QUERCETINA: UN POTENZIALE CANDIDATO CONTRO IL COVID?

0

L’emergenza sanitaria globale ha spinto la comunità scientifica alla ricerca di trattamenti preventivi e terapeutici contro il Covid -19. Moltissimi sono gli studi in atto e altrettanti sono i potenziali bersagli per la scoperta e lo sviluppo di farmaci utili ad affrontare questa malattia. Uno dei bersagli farmacologici attualmente più studiati per lo sviluppo di farmaci contro il virus è la principale proteasi, Mpro o 3CLpro, una proteina essenziale nel ciclo di replicazione virale e altamente conservata tra i coronavirus.

Che cos’è la quercetina?

La quercetina è una molecola di origine naturale, appartenente ad un gruppo di sostanze polifenoliche conosciute come flavonoidi, presente in abbondanza in alcune piante come la calendula e la camomilla ma anche in molti alimenti come capperi, cipolla rossa, radicchio, the verde e vino rosso. Questa molecola è già stata studiata in passato per le sue proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e anti-allergiche, antiproliferative e immunomodulanti; ad ogni modo durante la pandemia da covid -19, la quercetina è tornata all’attenzione di diversi ricercatori grazie alla sua vasta gamma di proprietà antivirali che possono interferire in più fasi della virulenza del patogeno come l’ingresso del virus, la replicazione o nell’assemblaggio di proteine.

I dati più recenti

Uno studio pubblicato a Dicembre 2020 sull’International Journal of Biological Macromolecules mostra come la somministrazione farmacologica di quercetina, potrebbe contrastare il covid andando ad inibire proprio l’attività della proteasi 3CLpro che abbiamo detto essere fondamentale per la replicazione del virus. Lo studio in questione è stato coordinato dall’Istituto di nanotecnologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Nanotec) di Cosenza e da un gruppo di ricercatori di Zaragoza, Madrid.  Gli autori, partendo dallo screening sperimentale di un piccolo archivio di composti chimici costituito da circa 150 molecole, hanno individuato la Quercetina come un potenziale inibitore piuttosto potente dell’enzima 3CLpro: attraverso simulazioni molecolari hanno infatti mostrato come questa sostanza sia in grado di legarsi alle sub-unità dell’enzima nella posizione più favorevole per bloccare la replicazione del virus.

Quello che è emerso è quindi che la quercetina riduce l’attività enzimatica di 3CLpro grazie al suo effetto destabilizzante sull’enzima stesso, tuttavia la scoperta è da considerarsi con prudenza in quanto gli studi, condotti in vitro, sono ancora preliminari e non costituiscono elementi sufficienti a raccomandare l’integrazione di questa sostanza nella nostra alimentazione. Oltretutto, in questo delicato periodo di abbondanza sia di informazioni scientifiche che di bufale, c’è chi potrebbe approfittarsi del desiderio di una cura miracolosa contro il Covid per promuovere le proprie vendite ed è proprio per questo motivo che lo scorso giugno la Food and Drug Administration ha diffidato le aziende dal promuovere prodotti a base di quercetina come possibili terapie anticovid.

Concludendo la quercetina non è l’unica molecola in fase di studio per la possibile efficacia contro il SARS-CoV-2: finora però, nessuna delle ricerche in corso è arrivata effettivamente a conclusioni definitive. Al momento, misure di prevenzione come distanziamento sociale e uso di mascherine sono le uniche armi di efficacia comprovata contro il Covid-19 a cui si aggiunge sicuramente il consiglio di mantenere uno stile di vita salutare seguendo una sana alimentazione e svolgendo attività fisica.

Ti è piaciuto questo articolo? Facci sapere un tuo parere o contattaci per qualsiasi informazione alla mail: [email protected] oppure sui nostri social: Facebook e Instagram. Inoltre vieni al nostro shop per scoprire tutta la linea di prodotti IoBoscoVivo e fai il pieno di vitamina D!!

BIBLIOGRAFIA

  • Olga Abian, Bruno Rizzuti et al., Structural stability of SARS-CoV-2 3CLpro and identification of quercetin as an inhibitor by experimental screening. International Journal of Biological Macromolecules, Volume 164, 2020, Pages 1693-1703, disponibile al https://doi.org/10.1016/j.ijbiomac.2020.07.235
  • Colunga Biancatelli, R., Berrill, M., Catravas, J. D., & Marik, P. E. (2020). Quercetin and Vitamin C: An Experimental, Synergistic Therapy for the Prevention and Treatment of SARS-CoV-2 Related Disease (COVID-19). Frontiers in immunology. Disponibile al https://doi.org/10.3389/fimmu.2020.01451

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
Hai bisogno di aiuto?